casa editrice

La casa editrice è la fabbrica dei libri, il luogo in cui essi vengono pensati e creati a partire da un semplice manoscritto che, grazie al lavoro di diversi compartimenti e di diversi professionisti, si trasforma in un libro vero e proprio. In una casa editrice di grandi dimensioni esistono quattro aree che lavorano in sinergia tra di loro: redazionale, tecnico-logistica, commerciale e amministrativa.

La redazione ha come responsabile il direttore editoriale (editor in chief), al quale è affidata la linea della casa editrice, dunque la selezione dei libri e la cura per la pubblicazione. Da lui dipende la redazione composta dai redattori – editor, correttori di bozze, grafici impaginatori, grafici creativi – che nelle grandi realtà sono coordinati da un capo redattore incaricato di garantire determinati tempi, livelli qualitativi e scelte di editing. Una casa editrice può avere vari direttori editoriali per ogni sezione strategica – narrativa italiana, narrativa straniera, saggistica, ragazzi ecc. – o prevedere direttori di collana. La redazione, che può essere supportata da un segretario, è l’area che prende in carico un manoscritto e lo allestisce fino alla stampa.

L’area tecnico-logistica si occupa dei preventivi per la stampa, dunque a essa sono richieste soluzioni economiche che riducano i costi di stampa, carta e rilegatura. Quest’area gestisce anche la logistica per il magazzino di stoccaggio, le spedizioni (secondo accordi con la struttura esterna della distribuzione) e le eventuali ristampe successive.

L’area commerciale si divide in ufficio stampa e ufficio marketing, il primo rivolto ai mezzi di comunicazione, il secondo al lettore finale. L’ufficio stampa inizia a lavorare prima dell’uscita del libro, attraverso comunicati stampa e azioni sui social network, organizzando presentazioni del libro o veri e propri tour dell’autore e partecipando a fiere e festival letterari. Prima dell’uscita del libro, l’ufficio marketing redige le schede di promozione per raccogliere prenotazioni dalle librerie, pubblica inserzioni pubblicitarie su carta o in digitale, progetta strategie online sulle maggiori piattaforme quali Google ed Amazon.  

L’area amministrativa, infine, si divide in ufficio di contabilità, ufficio contratti e diritti, ufficio addetto alla gestione del personale e ufficio legale. L’ufficio contabilità si occupa dei budget preventivi per i libri in programma e controlla la tenuta del loro conto economico, dunque è fondamentale per la sostenibilità della casa editrice. L’ufficio contratti e diritti gestisce i contratti con autori e collaboratori, si occupa della vendita e dell’acquisto dei diritti all’estero tramite traduzioni o per la concessione di utilizzi delle opere in catalogo in antologie, edizioni per l’edicola, edizioni club del libro, trasposizioni teatrali, audio o filmiche. Sia l’area amministrativa che quella commerciale controllano l’andamento delle vendite.

Grazia Caputo