Dark – stagione 2, le questioni aperte in attesa dell’ultima stagione

La seconda stagione di Dark si è conclusa con nuovi interrogativi a cui avremo modo di associare delle risposte attraverso la terza ed ultima stagione. Sino ad ora tutto è collegato nei minimi particolari ed ogni azione, evento o citazione non è mai fine a sé stessa, ma cela sempre qualcosa.

Quest’ attenzione ai dettagli è osservabile anche nella scelta del numero di stagioni della sere, una scelta collegata agli aventi presentati. Era previsto fin dall’inizio che Dark durasse solo 3 stagioni, in modo tale da rispecchiare i tre cicli di loop temporali visti nello show: il primo avvenuto nella prima stagione, il secondo durante la prima e la seconda stagione e il terzo avviato alla fine della stagione 2 che troverà la sua conclusione nella terza.  

Al termine dell’ultima puntata della prima stagione, la 1×10 – L’alfa e l’omega – eravamo sopraffatti da mille interrogativi generati dall’azione di Jonas del futuro che, spinto nel voler chiudere il ciclo di ripetizione, ha innescato nuovamente il loop degli eventi, aprendo il varco nella grotta. Quest’azione ha fatto sì che il piccolo Hegel ritornasse nuovamente nel suo tempo (1953) e Jonas del presente – fermo nel 1986 – arrivasse all’interno di un bunker, lo stesso di cui veniamo a conoscenza nella 1×1, attraverso cui vengono introdotti per la prima volta i vari personaggi. Solo in una sequenza successiva riusciamo a capire il tempo in cui è “caduto”, ossia un futuro fatto di cenere e desolazione. Al termine di questo episodio erano tanti i punti che dovevano essere collegati tra loro, cosa che è stata egregiamente svolta mediante la seconda stagione, motivo per cui ci si aspetta lo stesso anche dalla terza per poter continuare a dare lustro ad una serie tv che ci ha lasciato senza parole. Bisogna anche sottolineare che, anche se alcune domande (questione Michael/Mikkel, Noah) hanno trovato risposta, ce ne sono altre che ancora viaggiano nello spazio-tempo tra passato, presente e futuro.

I PUNTI APERTI DOPO LA SECONDA STAGIONE – Ovviamente è SPOILER!

  • Adam/Jonas: Adam, il leader di Sic Mundus (nonché Jonas da grande, provato fisicamente dai vari viaggi nel tempo) è riuscito a creare la terza ed ultima sequenza temporale, assicurandosi che Jonas fosse nel posto giusto, nel momento giusto. Inoltre ha fatto sì che tutti i wormhole fossero aperti, generando così la fusione della centrale nucleare di Winden ed una conseguente catastrofe. Ma per quale motivo Adam vuole che il terzo ciclo si avvii? Cosa nasconde il suo piano e soprattutto quale motivo lo oppone a Claudia?

  • Sopravvissuti all’Apocalisse del 27 giugno 2020: La catastrofe generata avrà spazzato via quasi metà della popolazione, ma chi è sopravvissuto? La risposta a questa domanda è, in parte, osservabile mediante le puntate della serie. Al termine della 2×8 – Fine e Principio – vediamo all’interno del bunker sotterraneo del cottage della famiglia Doppler, Claudia del 1987, sua figlia Regina malata di cancro, la piccola Elisabeth Doppler insieme a suo padre Peter, i quali attendono inermi l’arrivo della fine. Altro personaggio che vediamo entrare nel bunker è il giovane Noah, il quale si è scoperto – attraverso le parole di Adam – essere il padre di Charlotte e marito della piccola Elisabeth. Sui destini di Claudia, Elisabeth e Noah sappiamo già qualcosa, ma Peter e Regina che fine hanno fatto? Perché non li abbiamo visti durante i vari cicli temporali?

  • Un altro personaggio che potrebbe essere scampato dalla morte  è Charlotte Doppler, la quale si trovava all’interno del reattore della centrale nel momento della catastrofe. Attraverso una finestra temporale vede la Elisabeth del 2052 e osserviamo come le due tendono le mani per stabilire un contatto. Ciò potrebbe averla salvata dall’esplosione, trasportandola quindi nel futuro?

 

  • Jonas, Bartosz, Magnus e Franziska: le scene finali della 2×8 ci mostrano anche il destino di questi personaggi e il come siano sopravvissuti alla catastrofe, dandoci una risposta alla presenza di Magnus e Franziska nel futuro, accanto ad Adam. Il Jonas più grande, dopo aver ricevuto una lettera di Martha da Noah, che lo ha fortemente turbato, capisce che deve salvare i ragazzi portandoli in un altro tempo, attraverso la macchina del tempo. Consociamo già i volti di Magnus e Franziska nel futuro, ma Bartosz che fine ha fatto? Come mai non è anche lui presente nella residenza di Adam?

 

  • Hannah Kahnwald, la mamma del giovane Jonas: oramai tutti i personaggi sono venuti a conoscenza dei viaggi nel tempo in un momento o nell’altro nella storia. Uno di questi è Hannah, la mamma del giovane Jonas e moglie di Michael/Mikkel. Un personaggio con molte ombre, la cui natura non sembra essere affatto sincera e buona, ma d’altronde nella cittadina di Winden ognuno nasconde dei segreti. Già nella prima stagione possiamo capire quanto sia innamorata di Ulrich e disposta a tutto pur di averlo solo per sé, un amore che persiste da quando era solo una bambina. Spinta da ciò utilizza la macchina del tempo di Jonas grande, viaggiando nel tempo sino ad arrivare nel 1953. Qui si presenta alla stazione di polizia fingendosi una moglie che ha perduto il marito e che, forse, poteva essere il presunto assassino dei due bambini, nonché Ulrich del 2019 arrivato nel 1953 alla ricerca del suo Mikkel. Nel momento in cui si trova di fronte Ulrich capisce che forse l’amore che prova è unidirezionale e lo lascia nelle celle affermando che non sia il marito. Si ritrova poi nell’ufficio di un giovane Egon Tiedemann (padre di Claudia), facendo intendere che sia ormai una donna sola, che ha bisogno di rifarsi una vita. La ritroveremo quindi nel 1953? E ciò che farà in quel tempo porterà altre conseguenze alla storia?

 

  • Martha e Jonas: Tra gli interrogativi più grandi  e più importanti, che porteranno alla formazione di nuove trame, è sicuramente l’arrivo di una Martha proveniente da un’altra dimensione. Non è più il momento di chiedersi solo “Quando” accadono le vicende, ma anche “Dove”. La Martha che abbiamo conosciuto mediante l’arco narrativo non c’è più, è stata infatti colpita ed uccisa da Adam, per far sì che tutto accadesse nel medesimo modo e innescare quel cambiamento che lo ha portato a diventare ciò che è adesso. Mentre Jonas piange la perdita della ragazza/zia, irrompe nella scena la nuova Martha, il cui compito risulta essere quello di portarlo via dalla catastrofe imminente attraverso un globo dorato (strumento utilizzato per i viaggi nel tempo, costruito molto probabilmente all’interno del suo universo). Dove sono diretti? In che modo questi mondi paralleli sono collegati tra loro? In relazione a questo nuovo cambio di rotta dobbiamo ammettere che sarà alquanto complicato poter collegare il tutto, ma staremo a vedere.

  • Katharina Nielsen: rappresenta uno dei personaggi che ha perso tanto a causa dei vari viaggi nel tempo. E’ una madre e una moglie affranta dalla perdita di suo figlio Mikkel e suo marito Ulrich. Dopo un primo momento di depressione e abbandono, tenta in tutti i modi di riuscire a trovare la strada che porta ai suoi cari. Rispetto agli altri, Katharina è stata forse l’unica ad essere scettica e a non credere abbastanza velocemente a tutto ciò che stava accadendo. Verso le ultime puntate della seconda stagione ha un ruolo più attivo, trova la mappa di Jonas grande e si reca nella grotta. Dove sarà? Sarà ritornata nel 1986 o nel 1953? Dal figlio Mikkel o dal marito Ulrich e ciò cosa comporterà?

  • Aleksander Tiedemann: Marito di Regina, padre di Bartosz e genero di Clauda. Come sappiamo il suo vero nome è Boris Niewald e lo ritroviamo inserito nella storia dopo che è scappato da qualcosa che cercava di nascondere. Uno dei dubbi legati al suo personaggio è, secondo il nostro parere, il perché sin da subito protegge Regina. Ricordiamo anche che è stato lui a saldare la porta all’interno della grotta, su ordine di Claudia. Chi è realmente? Potrebbe anche lui essere coinvolto nei viaggi del tempo e che cosa conosce della storia?

Altre domande sono connesse ovviamente anche alla centrale nucleare e a tutto ciò che nasconde. Dove e quando si è innescato il tutto e perché; Chi è la luce e chi l’oscurità?

Dopo tutti questi interrogativi bisogna però sottolineare la bellezza di questa serie, fatta di tante citazioni, trame e sottotrame che convergono tra loro.

Data di uscita della terza stagione?

Tutti gli attori sono impegnati nelle riprese della terza stagione che potrebbe arrivare a giugno del 2020, se si tengono in considerazione gli eventi narrati e l’uscita della prima e della seconda stagione: la prima stagione infatti – che ha debuttato nel dicembre 2017 – iniziava dal 21 giugno 2019, giorno di rilascio della stagione 2. Quest’ultima inizia a raccontare dal 20 giugno 2020: sarà questa al data di uscita della terza stagione? oppure avverrà nel giorno dell’apocalisse, ossia il 27 giugno 2020?

Staremo a vedere e, forse, riusciremo a capirci qualcosa, ma una cosa sarà sempre senza risposta: perchè tutti sono sempre sudati? 😀

 

 

Precedente The Loudest Voice: la serie tv incentrata sullo scandalo sessuale che travolse il Ceo di Fox News